SCUOLA DALMATA DEI SS. GIORGIO E TRIFONE

Detta anche Scuola di S.Giorgio degli Schiavoni

SITO UFFICIALE


DSC_0588w

LA SCUOLA DALMATA DEI SS. GIORGIO E TRIFONE

IERI ED OGGI



Le Scuole sono un’antica istituzione veneziana; si tratta di confraternite laiche, alcune presenti a Venezia già dal IX secolo. Per oltre settecento anni esse furono parte fondamentale dell’organizzazione sociale, politica, economica e religiosa della Serenissima.


All'inizio del XVI secolo si contavano più di 200 Scuole ; le “scuole di mestiere”, vere e proprie corporazioni avevano un ruolo importante nella tutela e nello sviluppo delle arti e dei mestieri (lanaioli, calzolai, orefici, marinai, fabbri ecc.); accanto a queste nacquero le Scuole di Devozione e le Scuole di Nazione (Greci, Albanesi, Lucchesi, Milanesi). Tra queste ultime va annoverata la Scuola Dalmata. Da notare che le carte geografiche dell'epoca definiscono il Mar Adriatico come Golfo di Venezia.
















Perasto2
internoscuoladalmata
cartina

Interno Scuola Dalmata - Venezia

Perasto - Bocche di Cattaro

Coronelli - Carta dell'Adriatico

E' il 24 marzo del 1451 che, su istanza dei Dalmati residenti in città e con Decreto del Consiglio dei Dieci, viene fondata la Scuola Dalmata dei SS. Giorgio e Trifone, retta ancora oggi da un Guardian Grande e da un Consiglio di Cancelleria.

La Scuola fu il cenacolo dei Dalmati, che per ragioni di lavoro o culturali risiedevano a Venezia o intrattenevano frequenti rapporti con la città: si trattava di marinai, operai, artigiani, commercianti, armatori, uomini di cultura, che per varie ragioni frequentavano la città di Venezia e sentivano la necessità di avere in essa un riferimento non solo anagrafico, ma anche un luogo con una propria chiesa, dove custodire le reliquie dei santi protettori, nella quale celebrare un matrimonio o un funerale, dove godere di assistenza morale, economica o semplicemente seguire da vicino i propri affari.


Se è vero che nasce come Scuola della Nazione Dalmata, è altresì evidente che la commistione culturale, politica ed economica dei Dalmati con Venezia fece in modo che essi, inseriti nella Repubblica della “Serenissima”, considerassero questa la loro patria e per il benessere di questa si spendessero.

Zara-Dalmazia-Italiana-Fotografia-Vintage-Sali-Dargento-Animata
dalmati2
sebenico-duomo

Sebenico - La Cattedrale

Zara - Porta Terraferma

Stemma della Dalmazia


La storia della Dalmazia e di Zara, sua capitale, per secoli si è quindi sviluppata e si è intersecata con quella di Venezia e dell'Italia. In effetti la Dalmazia ha rappresentato una sicura difesa contro l’espansionismo ottomano che minacciava la stessa Europa.

È noto a tutti che le città italiche della costa orientale adriatica guardavano a Venezia come alla Signora dell'Adriatico ed in cambio della sua protezione fornivano soldati all'Esercito e alla Marina della Serenissima, ma pochi sanno che in battaglia la difesa del Gonfalone di S. Marco issato sulla nave ammiraglia, era affidata all’ardimento ed al valore dei marinai dalmati di Perasto, cittadina situata nelle Bocche di Cattaro, oggi in Montenegro.


Nel 1806 Napoleone ordinò la soppressione dei conventi e di tutte le Scuole veneziane, che cessarono così in gran parte di svolgere la loro secolare funzione. Tuttavia questa imposizione non colpì la Scuola di San Rocco e la Scuola Dalmata: la prima godette forse dell'egida di San Rocco, Santo francese di Montpellier; la seconda, ebbe dalla sua il fatto che i Francesi dimostrarono una particolare attenzione per la Dalmazia.

stendardov-1
Navicella3.JPG
Ticonu

Antica navicella portaincenso

Antico gonfalone

G. Lallich - Il bacio del gonfalone

Una fortunata peculiarità della Scuola Dalmata degli Schiavoni è dunque quella di essere sopravvissuta alla caduta della Repubblica di Venezia, che, con Napoleone, come abbiamo detto poco sopra, aveva comportato l’abolizione di tutte le Scuole e l’avocazione dei loro patrimoni, comprese le opere d’arte. Per questo, visitandola, ci si trova in uno degli interni meglio conservati ed autentici di Venezia, e la raffinata semplicità della casa veneziana del Rinascimento conferisce un fascino ancora maggiore ai teleri realizzati da Vittore Carpaccio tra il 1502 e il 1510, che costituiscono il grande motivo d’interesse della Scuola. Non è un caso che John Ruskin, nella sua lunga ricerca di atmosfere perdute, sia rimasto particolarmente affascinato dalla Scuola Dalmata e dal Carpaccio e vi abbia dedicato alcune delle sue pagine più entusiaste.


Nel 1848 i Dalmati residenti o presenti in città parteciparono attivamente alla difesa di Venezia contro gli Austriaci; tra i tanti troviamo Niccolò Tommaseo di Sebenico, uno dei padri della lingua italiana.

Nella sacrestia della Chiesa della Scuola è esposta una lapide che elenca i nomi di coloro che parteciparono in armi alla difesa della città.

06 San Trifone (scuola di A.Vivarini)
07 San Girolamo (scuola di A.Vivarini)
SGIORGIOquadroparticolare

Carpaccio - San Giorgio ed il drago

Vittorecarpacciovisionedisantagostino01

Scuola Dalmata - San Trifone

Scuola Dalmanta - San Girolamo

Carpaccio - Sant'Agostino


Alla fine della seconda guerra mondiale, in seguito alla sconfitta dell'Italia e l'affermarsi del regime jugoslavo di Tito, migliaia di dalmati di lingua e cultura italiana  furono purtroppo costretti ad abbandonare la loro terra e non pochi trovarono accoglienza a Venezia, in quella che per loro era l'antica patria veneta e italiana.

Altareligneocompleto2
labaro2
Tommaseo2

Scuola Dalmata - S.Giorgio ligneo

Niccolò Tommaseo

Labaro Scuola Dalmata di Venezia

La Scuola Dalmata assieme alle altre quattro Scuole Grandi ancora presenti a Venezia vuole valorizzare quel grande patrimonio artistico che ci è stato affidato dalle generazioni passate ma vuole altresì farsi carico di tutti quei valori storici e morali che l'hanno contraddistinta nei suoi seicento anni di storia.

All righ reserved- © Scuola Dalmata dei SS. Giorgio e Trifone
Create a website